Crea sito

La Spezia, crolla campanile colpito da un fulmine

Parte del campanile della chiesa di Beverino, in provincia di La Spezia, è crollato

Dopo il crollo del tetto della Chiesa San Giuseppe dei Falegnami a Roma, un nuovo cedimento ha interessato un’altra chiesa. Un fulmine ha colpito nella notte tra venerdì e sabato la sommità del campanile della chiesa di San Cipriano di Beverino, causandone il crollo sulla strada provinciale. Fortunatamente nessuna persona è rimasta coinvolta, come nel caso romano. Il sindaco Massimo Rossi ha parlato di “un boato fortissimo”, per la caduta delle pietre della torre, trovate fino a quaranta metri di distanza dal campanile. Alcune hanno danneggiato le macchine parcheggiate lì vicino.

Alle tre di notte i Vigili del Fuoco sono intervenuti sul luogo con la squadra del distaccamento di Brugnano. Nel timore di nuovi crolli, il sindaco ha deciso di chiudere la strada. Nonostante ciò, la circolazione non ha subito rallentamenti, grazie all’utilizzo come bypass di un parcheggio adiacente.

Vigili del fuoco, tecnici della soprintendenza e professionisti incaricati dalla Diocesi della Spezia si sono occupati nella giornata di oggi di mettere in sicurezza la parte restante del campanile. La struttura sarà interessata da verifiche accurate da parte degli enti competenti.

Il maltempo in Liguria

Nella notte, fa sapere Arpal, si sono avute precipitazioni di intensità forte a Levante (48.8 in un’ora a Monte Domenico, comune di Sestri Levante, 48.2 millimetri a Mattarana, nello spezzino). In territorio genovese ci sono state cumulate orarie di 55.6 millimetri a Premanico e 51 a Genova Sant’Ilario. Non sono stati evidenziati innalzamenti dei livelli idrometrici di particolare rilievo mentre i venti sono ruotati dai quadranti settentrionali con raffiche massime a 69.1 km/h a La Spezia e 64.1 a Monte Pennello (Genova).

La Protezione Civile ha diramato sul territorio spezzino e di tutto il levante ligure  l’allerta meteo di livello arancione di moderata intensità dalle 2 di sabato alle 2 di lunedì.

Camilla Gaggero